Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al menu di navigazione

Vai al contenuto

Login

Immetti

PASTORALE GIOVANILE E ORATORIO

Proposte e percorsi formativi per educatori e responsabili della Pastorale Giovanile, degli Oratorio, animatori e responsabili di Grest e Campi Estivi

Ti trovi in: Home page > PASTORALE GIOVANILE E ORATORIO

PASTORALE GIOVANILE E ORATORIO

Educare è un lavoro complesso e delicato,
che non può essere improvvisato
o affidato solo alla buona volontà
(CEI, Educare alla vita buona del Vangelo, n.29).



Educare è un atto d’amore, che richiede tempo, sacrificio, passione, impegno, pazienza, dedizione, costanza,… ma anche competenza, conoscenza di quella grammatica delle relazioni umane e dei linguaggi della fede, di strumenti per decodificare la realtà ed interagire con essa in modo efficace.

      
 
 
 

NON SI IMPROVVISA L’ATTO EDUCATIVO.
L’atto educativo nasce da un sogno, da un intenzionalità, da un ascolto attento,… altrimenti si riduce a mettere toppe, spesso vecchie, su vestiti sempre nuovi.
“Il ‘mondo che cambia’ è ben più di uno scenario in cui la comunità cristiana si muove: con le sue urgenze e le sue opportunità, provoca la fede e la responsabilità dei credenti. […] Illuminati dalla fede nel nostro Maestro e incoraggiati dal suo esempio, noi abbiamo invece buone ragioni per ritenere di essere alle soglie di un tempo opportuno per nuovi inizi. Occorre, però, ravvivare il coraggio, anzi la passione per l’educare. È necessario formare gli educatori, motivandoli a livello personale e sociale, e riscoprire il significato e le condizioni dell’impegno educativo” (CEI, Educare alla vita buona del Vangelo, n. 7 e 30).
Formare gli educatori, consiste allora prima di tutto nel liberare il loro sguardo, nel saper scorgere nella realtà che spesso etichettiamo in chiave pessimistica, delle enormi opportunità educative; è aiutarli a ritrovare il senso, le fondamenta e la gioia del loro servizio. Occorrono “autentici testimoni di gratuità, accoglienza e servizio. La formazione di tali figure costituisce un impegno prioritario per la comunità parrocchiale, attenta a curarne, insieme alla crescita umana e spirituale, la competenza teologica, culturale e pedagogica” (CEI, Educare alla vita buona del Vangelo, n. 41).

CONSULTA I NOSTRI CATALOGHI FORMATIVI STANDARD IN FONDO ALLA PAGINA

La centralità della formazione degli educatori viene anche ribadita nell’ultimo documento CEI relativo agli oratori: “ripercorrendo la memoria delle tradizioni dell’oratorio, la prima evidenza che ci viene consegnata è il valore insuperabile dell’autorevolezza delle figure educative.
Ancor oggi il più grande patrimonio dei nostri oratori è rappresentato dalle decine di migliaia di educatori, formatori, animatori e collaboratori che prestano un generoso servizio, donando tempo e competenze. Tutti possono fare qualcosa per il proprio oratorio, ma secondo i ruoli e le responsabilità non potrà mancare una specifica e adeguata formazione. La disponibilità da sola non basta, è necessaria anche la competenza che si realizza attraverso un attento cammino di formazione pensato e progettato insieme nei luoghi e nelle forme più appropriate.
La formazione andrà pensata anche in base al ruolo che ciascuno ricopre, tenendo conto che la dinamica educativa, in un quadro di comunione e condivisione, esige sempre una chiara articolazione delle responsabilità” (CEI, Il laboratorio dei talenti. Nota pastorale sul valore e la missione degli oratori nel contesto dell’educazione alla vita buona del Vangelo, n. 23).


NON SI IMPROVVISA LA FORMAZIONE.
La decennale esperienza di CREAtiv nel settore della formazione educativa, ci ha portato a riconoscere il valore di una formazione che sappia attivare, nei vari luoghi in cui opera, dei veri processi di crescita umana e spirituale, delle prassi rinnovate e condivise, una riflessione seria sia personale che di équipe sul ruolo e lo stile educativo.
Una formazione che si limita ai contenuti fornisce indicazioni che poi non riescono a trovare una loro applicazione reale, e questo per vari motivi:

  • non vanno ad intaccare i sistemi teorici di riferimento delle persone, in quanto le loro pre-conoscenze vanno ad opporre resistenza attraverso schemi e rigidità mentali o attivano forme di resistenza al cambiamento;
  • non si assiste ad una piena appropriazione dei contenuti forniti: questi non riescono, cioè, ad essere trasformati in atteggiamenti, comportamenti, azioni, processi da mettere in atto nel proprio servizio educativo per un basso livello di competenze e abilità di base nell’effettuare tale passaggio;
  • le persone più motivate si trovano poi a scontrarsi nella propria équipe con altre che non hanno fatto propri e rielaborati gli stimoli formativi, portando a frenare la spinta di rinnovamento che le prime vorrebbero apportare.


Metodologia
La metodologia sarà coinvolgente e interattiva, in chiave strettamente laboratoriale, unendo contenuto e metodo. I partecipanti saranno coinvolti in giochi di ruolo, di simulazione, problem solving, attività in sottogruppi. In questo modo si lavorerà sia nell’incrementare le competenze didattiche dei partecipanti, sia nel migliorare il clima di gruppo e di collaborazione tra i presenti.

Materiale
Verrà distribuita ad ogni incontro una dispensa. I materiali multimediali usati saranno poi messi a disposizione al termine di ogni incontro.
 

Iscrizione
ai corsi

Segreteria
organizzativa:

Creativ Formazione
via Rosmini 1, 42123
Reggio Emilia
tel. 0522-324686 0522-873011
fax 0522-360234
e-mail: formazione@creativ.it

Strabimbumbans

credits:e-project

I siti di creativ:

  • Creativ - il network delle idee
  • Iecr
  • animaeventi
  • creativ sociale
  • creativ menti
  • creativ educare
  • creativ learning method